venerdì 24 ottobre 2014

Turista vs residente: quando le prospettive sono troppo distanti

Forse siamo stati disattenti. Forse l'amore per un luogo ci ha resi miopi. Che il nostro sguardo su Piazzatorre non abbia avuto la giusta angolazione?

No, non sono impazzito improvvisamente, né sono stato colto da misticismo, mi sono solo venuti alcuni dubbi e li sto scrivendo a caldo.
Questa settimana mi sono concesso qualche giorno di vacanza in ritardo e sono salito a Piazzatorre, trovandola come mi aspettavo, deserta. Ma complici le belle giornate questa vacanza l'ho goduta come poche altre volte, e se il paese in sé non aveva molto da dire (abbiamo già scritto che Piazzatorre é un falso paese, in quanto privo di una costruzione "urbana" storica), moltissimo da dire ha il contesto in cui si trova, tanto che le escursioni lungo i sentieri della valle sono state a dir poco spettacolari.

Tuttavia, al rientro pomeridiano mi si insinuava una domanda: ma non é che, in fondo, ai piazzatorresi questa tranquillità che sembra terrorizzare chi vorrebbe una località più frizzante, invece piaccia e sia garanzia di una vita priva di quegli aspetti negativi che spesso subisce chi vive in città?
Voglio dire, chi non ha necessità di spostamenti pendolari, o se ce l'ha non la vive come un peso, perché non dovrebbe essere soddisfatto di un luogo dove la sera non si sente altro rumore se non quello lontano del torrente o di un cane che abbaia? (visuale angolazione residente)

Chiaro, é una domanda alla quale non so dare una risposta convinta, diciamo che però il dubbio mi viene.
L'altra faccia della medaglia é che isolamento chiama isolamento e da questo punto di vista il rischio é che la comunità finisca non solo per chiudersi definitivamente su sé stessa, ma rischi anche di disgregarsi definitivamente.
Potrebbe insomma verificarsi qua quello che é già stato registrato altrove, come si può riscontrare leggendo un rapporto non recente (2011) ma certo ancora attuale, pubblicato sul sito del Consiglio Regionale.
Leggetelo, troverete anche un capitoletto dedicato a Ornica, che certo se la passa peggio di Piazzatorre, ma nella quale, e ciò va a onore dei suoi abitanti, l'ostinata volontà di resistere allo spopolamento dà alcuni frutti importanti.

Chiudo con un'altra domanda, stavolta retorica: tempo sei-otto settimane e ripartirà il cinemascope sugli impianti di risalita, lo sci e bla bla connessi (visuale angolazione turista). Spostate lo sguardo sulla Piazzatorre che vi ho descritto sopra e valutate. Davvero credete che con le discese dalle Torcole innevate (cioé senza altre attività non legate allo sport invernale), durante una settimana di settembre od ottobre Piazzatorre sarebbe diversa da quella che ho trovato in questi giorni? 

16 commenti:

  1. A Piazzatorre gli abitanti stanno bene perchè pagano poco o niente di tasse locali. In più possono far gestire gli impianti sci ripianando le perdite con la ricca mietitura di denaro raccolto con le tasse e servizi (!!??) sulle case dei proprietari non residenti. Non hanno stimoli per altre attività per possano favorire la presenza dei turisti e dei proprietari delle case dei non residenti. Si accontentano delle entrate derivanti dalle seconde case. Nulla di più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'insostenibile fascino della rendita parassitaria.

      Elimina
    2. Forse il Sig.Petro prima di sparare a zero sulla Polizia dovrebbe contare non fino a 10 ma forse a 100, nel dire che i residenti non pagano le tasse ????????? ma la smetta per cortesia i residenti le pagano eccome e tutte le tasse come del resto fanno i proprietari di seconde case l'utilizzo del denaro pubblico che viene fatto è tutta un'altra storia.

      Elimina
  2. I Love Piazzatorre6 novembre 2014 11:51

    Invito tutti a boicottare questo Blog che altro non è che un contenitore di spazzatura e di giudizi infamanti nei confronti della località e dei suoi abitanti.
    Evitando di commentare il blog avrà vita breve insieme alle sue cattiverie!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dato che qui trovano spazio tutte le posizioni, pro e contro, e persine quelle sciocche (la sua) pubblico senza problemi. La invito peró a sforzarsi di capire quel che legge (se legge) e a pensare bene a quel che scrive.

      Elimina
  3. Invito il sig. "Anonimo" e il sig. "I Love Piazzatorre" a guardare la realtà dei fatti mediante dati certi. A Piazzatorre la Tasi (tassa utile a coprire le spese di gestione e manutenzione dei servizi comunali) non è stata pagata dai possessori di abitazione principali (alias i residenti), mentre l'IMU per le abitazioni secondaria è stata pagata con aliquota massima, quindi chi paga?? quando Mara parla dell'insostenibile fascino della rendita parassitaria, ha pienamente ragione, punto e basta. Il problema focale comunque, non è chi paga o quanto paga, ma cosa offre il paese! Piazzatorre ormai non offre più ganchè a livello ricettivo, guardate i negozi (?), guardate il bancomat (?)...non bastano 2 piste da sci per ridare slancio al turismo, ma forse non basterebbe neanche tutto il comprensorio aperto per riportare in vita il paese. La gente vuole divertirsi, svagarsi, e anche buttare via i soldi nei negozi....ma questo a Piazzatorre non si può più fare.

    Luca MB

    RispondiElimina
  4. Sempre le stesse cose sempre le stesse lamentele ma basta!!!!!!!!!!!!!!!! questi discorsi sterili nn portano a niente del resto anche io pago le tasse come seconda casa e sono dell'idea che quando vado in un ristorante o in una località in cui nn mi trovo bene cosa faccio?????????????? nn ci vado più punto ma basta lagnarsi sempre di tutto BASTA VERAMENTE!!!!!!!!!!!!!! Tanto qualunque sforzo anche piccolo che viene fatto è perennemente criticato o boicottato.

    RispondiElimina
  5. Tutti hanno le loro ragioni....ma perfavore smettiamola!basta!!!
    Se non mi trovo bene a Piazzatorre cambio località...semplice!
    A me piace cosi, e non sono venuta qui per fare polemiche ma per rilassarmi!
    Piantatela voi con questo sito, ci fate voler male e basta!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Ci fate voler male"? Chi le vuol male? Chi vuol male a cosa? Ma che dice? Ma di che parla?
      Siccome tutti hanno le loro ragioni -parole sue- bisognerebbe evitare di rappresentarle? Così tutti felici con la testa sotto la sabbia, vero?
      Tutto meraviglioso, perfetto, nulla da dire, nulla da cambiare.

      Elimina
    2. Condivido l'opinione che se non ci si trova bene in un posto, basta cambiare...........il problema è che Piazzatorre è caduta così in basso che la cara seconda casa acquistata anni fa oggi è invendibile...........nemmeno a regalarla la vogliono! E ne è la dimostrazione la quantità di cartelli Vendesi che si vedono per il paese ormai sbiaditi dal tempo che sono stati appesi!!!! Noi proprietari delle seconde case pagheremmo volentieri le tasse se poi si facesse qualcosa per mantenere un valore commerciale alle case.

      Elimina
    3. Ma dove vivete...ma non vi rendete conto che è tutta la nazione in declino???stai a vedere che adesso è solo Piazzatorre ad essere caduta in basso!! Pazzeschi i vostri commenti!! Il Comune di Piazzatorre ha appena buttato 1 milone di euro anche per mantenere il valore dei vosti immobili acquistando gli impianti...o sbaglio?
      comunque se propio volete regalare gli immobili...a caval donato...
      BALLEEEEEEEEEEEEEE!!!!!

      Elimina
    4. Il Comune ha impegnato i soldi per evitare che l'impianto di risalita fosse smontato e portato altrove, cosa che avrebbe decretato la sepoltura del paese. Che tuttora respira attaccato all'ossigeno, un po' come l'Italia, su questo ha ragione.

      Elimina
  6. è giusto che i residenti non paghino la tasi. Possono permetterselo?Meglio per loro. I vacanzieri devono solo ringraziare che gente coraggiosa scelga di vivere in località montane.
    Detto questo se l'egregio Sig. Sindaco fa asfaltare la strada di Canal Grande farebbe un' altra cosa giusta.

    RispondiElimina
  7. Suvvia, il sindaco attuale è il sindaco di prima travestito: son bastati un paio di baffi e un bel pò di pinguedine et voilà, il gioco è fatto... mutatis mutandis diceva qualcuno tempo addietro.
    I residenti hanno avuto la possibilità di un piccolo cambiamento, di una mini rottamazione ma hanno scelto (anche se non c'è certo stato il plebiscito) ancora il vecchio.
    La storia della TASI però è vera: i residenti si sono autoesclusi dalla tassazione avendo la possibilità di riempire le casse comunali con le tasche dei villeggianti grazie ad IMU e TARI.
    TARI ??? Certo, i villeggianti pagano la tassa rifiuti anche se, per esempio, non vanno mai a Piazzatorre e, di conseguenza, non producono rifiuti; del resto dura lex sed lex.
    Leggevo prima sul forum vallare di fare sistema tra i paesi della valle che avrebbero dei benefici nel rilancio degli impianti. L'idea è ottima anche se, in effetti, nei paesi civili è la prassi, però, appunto, nei paesi civili (leggasi i paesi dove già alle scuole elementari insegnano il rispetto per il prossimo e per la cosa pubblica e non dove, come da noi, l'esempio è pensare al proprio orticello).
    Scusandomi per il lungo commento, saluto cordialmente

    RispondiElimina
  8. leggendo e rileggendo i vari commenti e incuriosito, domenica 14 sono andato a Piazzatorre. A parte l'assenza di neve e dei villeggianti, recandomi al bar cercando di parlare con qualcuno, ho notato quanto la gente di Piazzatorre sia comunque tranquilla quasi indifferente alla crisi in cui versa il loro paese." la neve arriverà, i turisti se hanno voglia anche ,noi siamo qua " .
    Questo per dirvi che siamo noi a preoccuparci e non loro. E' vero chi ha la seconda casa la vorrebbe sfruttare a fronte di tasse salatissime, ma anche i residenti un pò di orgoglio !!! Sia chiaro, NON tutti sono così chiusi nei confronti dei turisti, ma, per la mia esperienza, sono una buona parte.
    Concludo dicendo che, secondo me, la mentalità non la si può cambiare, preferiscono vivere senza intoppi e gente che vaga per le montagne. Spero e credo che i giovani possono cambiare qualcosa, ma il potere è gestito da persone che (forse) vogliono un altro tipo di bene per Piazzatorre

    RispondiElimina
  9. Alla base dell'apatia e del disinteresse degli stessi residenti c'è il fatto che, turisti o non turisti, i migliaia di proprietari di seconde case devono, a prescindere, elargire al comune milioni di euro in IMU e TARI che il comune può utilizzare in benefici per i suoi 300 residenti, vedasi, ad esempio, la scelta di non fargli pagare la TASI sull'abitazione principale, scelta che in Italia hanno fatto solo il 10/15 % dei comuni.
    Del resto con quello che il comune incassa dai proprietari di seconde case che bisogno hanno i residenti di pagare la TASI ?
    Ecco, a mio parere questo inquadra piuttosto bene la mentalità locale.
    Fate vobis le dovute proporzioni

    RispondiElimina